Gli oli essenziali e i Fiori di Bach sinergie per il benessere naturale insieme al lavoro con la Bioginnastica per mantenere la salute anche durante il periodo invernale.

La vita inizia con il primo respiro e termina con l’ultimo, nel mezzo c’è la nostra vita.

Quindi respirare è indispensabile alla vita. Fin qui nulla di straordinario. Ma cos’è veramente la respirazione? Vediamo insieme il meccanismo fisiologico e quello simbolico.

Respirazione dal punto di vista fisiologico

La respirazione, dal punto di vista fisiologico, parte dal tronco encefalico (cervello antico, quello che guida i meccanismi indispensabili alla vita) che origina un impulso che fa contrarre i muscoli intercostali e il diaframma. Questa contrazione solleva la gabbia toracica e la espande, a causa del vuoto che si crea l’aria entra nei polmoni. L’aria che entra scambia, negli alveoli polmonari, l’ossigeno con l’anidride carbonica. In questo modo il sangue può portare ossigeno, indispensabile alla vita, in tutti i tessuti e cellule.

Respirazione dal punto di vista simbolico

Nella ciclicità della respirazione troviamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno per lo sviluppo: viviamo gli opposti e li unifichiamo in un solo movimento continuo.

L’inspirazione simboleggia il nuovo inizio, richiede coraggio di accettare che il nuovo entri in noi e di abbandonare la nostra area confort.

Ma quando siamo giunti alla fine dell’inspirazione, alla fine della nostra esplorazione del mondo esterno, dobbiamo abbandonarci alla espirazione.

L’espirazione è un lasciarsi andare, una rinuncia a ciò che abbiamo posseduto con l’inspirazione. Se vogliamo far fluire la forza vitale dobbiamo lasciare il controllo, e l’espirazione avverrà in modo semplice e naturale.

La respirazione è un meccanismo fisiologico autonomo, ma possiamo modificarlo consapevolmente. Possiamo respirare in modo più superficiale, più profondo, più frequente. Però non appena ci distraiamo da questo meccanismo la respirazione riprende in modo automatico.

Il respiro, il soffio vitale, nell’inconscio collettivo, nelle tradizioni, negli archetipi esprime l’atto della creazione. Il respiro è il primo tramite tra creatore e creato.

Non dimentichiamo inoltre che i polmoni sono un organo fondamentale per la regolazione del ph del sangue che deve assolutamente rimanere costante intorno alla neutralità.

Durante la giornata incontriamo tantissimi stimoli che acidificano il nostro corpo (conservanti alimentari, zuccheri, inquinamento, stress ecc) e quindi i polmoni devono fare un super lavoro per eliminare l’anidride carbonica che è una sostanza acidificante. Quindi avere un buon ritmo e una buona profondità respiratoria aiuta a mantenere bassa l’acidosi e quindi l’infiammazione del corpo.

Possiamo aiutare la respirazione e quindi la qualità della vita utilizzando tre strumenti: Bioginnastica®, oli essenziali e fiori di Bach.

Bioginnastica® per la respirazione

Durante le lezioni di Bioginnastica, il Bioperatore porta  costantemente l’attenzione della persona alla qualità del respiro. Inoltre viene data anche molta importanza alla fase di espirazione necessario portare che diviene così volontaria, azionando i muscoli preposti a tale movimento e aiutando i polmoni ad espellere tutta l’aria. In questo modo si favorisce lo scambio gassoso.

Oli essenziali: Bioessenthia verde®

È una miscela composta da Timo, Pino mugo, Menta, Eucalipto, Issopo e Lavanda. Conosciamo tutti la sensazione di benessere che si prova utilizzando oli essenziali balsamici quando ci sono ristagni di muco o catarro nell’albero bronchiale, molto frequenti nel periodo autunnale e invernale.

Se vogliamo vederne un significato simbolico questa sinergia ha la capacità di aprire il  sistema respiratorio quindi apre alle esperienze esterne. L’aria entra nel sistema respiratorio e cede ossigeno al sangue. Il sangue trasporta questo elemento in tutto il corpo,  a tutte le cellule.

Analizzando gli oli essenziali contenuti notiamo che Eucalipto, Issopo e Pino attuano prima di tutto una pulizia dell’albero respiratorio. Ci sono moltissimi studi nella letteratura scientifica che dimostrano le capacità battericide di questi oli essenziali.

Timo e Menta sono in grado di aumentare  la capacità di concentrazione e quindi di essere nel qui ed ora del ritmo respiratorio. Questo ci permette di lasciare fuori i pensieri che ci distraggono e che ci disturbano nel vivere quotidiano.  La Menta è nota fin dai tempi antichi per avere la capacità di calmare il mal di testa. Nella Bioessenthia verde® quindi  massaggiarne qualche goccia sulle tempie, magari accompagnando a questo qualche esercizio sulle palline scongiura un brutto attacco di cervicale.

Fiori di Bach per la respirazione

I fiori di Bach sono essenzialmente energia che è in grado di parlare con le nostre cellule.

Se pensiamo alla respirazione nelle sue diverse fasi e nel suo significato simbolico, possiamo avvalerci di Mimulus per trovare il coraggio di aprirci al mondo esterno, di accettarlo dentro di noi e inspirare profondamente.

Anche Beech ci potrebbe aiutare ad accettare qualcosa di diverso da noi, aiuta l’integrazione del non-self all’interno del nostro corpo. Se poi vediamo il microbo, l’infezione, dietro ogni angolo si può utilizzare Crab Apple.

Se invece parliamo di espirazione dobbiamo lasciare andare il controllo. quindi cosa possiamo trovare di meglio di Cherry Plum? E’ in grado di spegnere il grande supervisore, la corteccia cerebrale che tutto sa e tutto guida. A volte ci mostriamo al mondo come soldatini perfetti, non possiamo perdornarci nessuna imperfezione, quindi la nostra muscolatura risulta rigida e non si lascia andare al relax. In questi casi ci arriva in aiuto Rock Water.

Le giornate, la vita sono sempre piene di impegni, di carichi, tanto da non riuscire a scaricare neppure più l’aria che ristagna o il muco che si forma. Elm è il fiore che arriva in aiuto in questi casi di troppo pieno, sia che sia di tipo fisico che psicologico.

Questi fiori si possono miscelare insieme agli oli essenziali, sia per essere liberati nell’ambiente con bruciaessenze o vaporizzatori. Oppure possono essere miscelati a creme o oli da massaggiare sul corpo.

Pin It on Pinterest

Share This