La concentrazione: 5 mosse vincenti

[et_pb_section admin_label=”section”]
[et_pb_row admin_label=”row”]
[et_pb_column type=”4_4″]
[et_pb_text admin_label=”Text”]
La concentrazione diventa molto necessaria in particolari condizioni.

In certi periodi dell’anno la richiesta di energia mentale è molto alta. Nel periodo primaverile spesso sentiamo dire che le persone sono stanche, che non hanno energia per svolgere le attività quotidiane. Questo potrebbe essere dovuto in parte ad errori alimentari o anche ad una aumentata richiesta di impegno. Infatti ci sono periodi in cui gli studenti devono avere maggiore concentrazione perchè sono sottoposti a maggiore impegno. Oppure,in alcuni settori lavorativi, ci sono periodi in cui è necessario impegnarsi di più, a volte anche con orari più stressanti. Quindi la concentrazione potrebbe calare. Esistono molti prodotti ed integratori naturali che possono aiutare

La concentrazione e gemmoterapia

La concentrazione si può aumentare con la gemmoterapia.

1 -Betula verrucosa semi MG

Betula verrucosa macerato glicerico si ricava dai semi di betulla bianca. Questo gemmoderivato è un tonico stimolante generale, ma soprattutto per le funzioni cognitive e mnemoniche. Quindi può essere usato in preparazione agli esami o altre situazioni particolarmente impegnative intellettualmente. In questi casi si potrebbe usare in dose di 50 gocce tutte le mattine. Naturalmente se si utilizza per bambini o ragazzi la posologia va adattata.

La concentrazione e Sali di Schussler 

2 -Kalium phosphoricum

Kalium phosporicum è il fosfato di potassio. E’ il sale del tessuto nervoso. Alcuni lo definiscono il “sale della vita” perchè è molto importante per l’equilibrio delle cellule delle cellule nervose, di quelle muscolari e del sangue. E’ il sale che aiuta a mantenere o ritrovare la concentrazione in caso di sforzo mentale eccessivo. Si potrebbe utilizzare come supporto anche nelle forme depressive. Trova il suo utilizzo anche nell’insonnia causata da una iperattività mentale dovuta alla preoccupazione. In tutti questi casi potrebbe essere assunto tre volte al giorno. In casi acuti di esaurimento psichico forte si può prendere per sei volte al giorno.

3 – Magnesia phosphorica

Magnesia phosphorica è il fosfato di magnesio. Regola il ritmo di tutte le contrazioni del corpo, quindi anche le produzioni ormonali. A volte, nei periodi di grande impegno mentale, si possono presentare dei tic nervosi. Questi sono dovuti a delle contrazioni involontarie della muscolatura. Quindi usare la Magnesia phosphorica può migliorare questi stati. La magnesia migliora anche la funzione del sonno. Quindi si può assumere nella tisana calda prima di dormire alla sera. La funzione del sonno è quella di fissare nella memoria tutte le nozioni imparate in quel giorno. A volte, nei periodi di surmenage psicofisico si hanno dei risvegli improvvisi, soprattutto intorno alle 3 di notte. Questo significa che si sono esaurite in maniera eccessiva le proprie energie. Durante il sonno le funzioni vitali quali battito cardiaco, pressione si abbassano in modo fisiologico. Ma se il corpo ha poca energia queste tendono a diminuire eccessivamente. Quindi il la fisiologia risponde con una scarica adrenergica per rialzare velocemente tutti i parametri. E arriva il risveglio improvviso. In questi casi risulta utile assumenre Kalium phosporicum durante la giornata e Magnesia phosporica alla sera prima di dormire. Tutto questo serve a riportare in equilibrio il corpo e il suo ritmo circadiano

Un validissimo aiuto per aumentare la resa quando si studia sono i Fiori di Bach. Abbiamo ampiamente parlato dell’uso di questi fiori in un precedente articolo.

Uno dei principali ostacoli alla concentrazione sono le distrazioni. Queste possono assumere aspetti diversi: un messaggio, la presenza di altre persone nell’ambiente, sete, fame ecc. Quindi al momento di sedersi davanti al libro o al computer è bene fare cinque respirazioni profonde, ad occhi chiusi. Questo è il modo in cui inizia sempre una lezione di Bioginnastica.La respirazione profonda aiuta a fare un reset di tutte “finestre” che sono aperte contemporaneamente nel nostro cervello durante l’attività quotidiana.

Concentrazione e olii essenziali

Per aiutare la concentrazione possiamo utilizzare anche olii essenziali. Queste essenze possono essere rilasciate nell’ambiente tramite un diffusore oppure mettere qualche goccia su un fazzoletto. Gli oli essenziali più utilizzati sono quelli di Menta e di Limone.

4 – Olio essenziale di menta

L’olio essenziale di menta piperita si ricava dalle foglie di questa pianta.Quindi potremmo anche strofinarne qualcuna sulle mani e annusare. Questo olio essenziale ha un effetto chiarificatore sulla mente, potenzia le capacità logiche e aumenta la concentrazione.

5 – Olio essenziale di limone

L’olio essenziale di limone favorisce la concentrazione, la capacità di comprensione e la memoria. Alcuni studiosi giapponesi hanno dimostrato che inalare olio di limone mentre si lavora al computer riduce gli errori di battitura del 54%.

Abbiamo visto insieme che esistono moltissimi strumenti di cura naturale per aumentare la concentrazione. Gemmoterapia, Sali di Schussler, respirazione, oli essenziali e Fiori di Bach. In un precedente articolo abbiamo anche parlato di integratori come arginina e Garum Armonicum. ritorneremo comunque anche in futuro a parlare di questo argomento.
[/et_pb_text]
[/et_pb_column]
[/et_pb_row]
[/et_pb_section]

La concentrazione: 5 mosse vincentiScarica articolo in formato PDF
 

Author: Manuela Succi

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*