L’artrosi e fiori di Bach  contenuti in una crema preparata da noi.

L’utilizzo dei Fiori di Bach secondo il “principio transpersonale” cioè direttamente sulla pelle, è stato proposto dal dott. Orozco, medico spagnolo.

“…il terapeuta può preparare centinaia di trattamenti locali, complementari a quelli orali seguendo lo stesso ragionamento e facendo la stessa traduzione in linguaggio floreale.

In realtà stiamo cercando, con maggior o minor fortuna, di sistemizzare uno strumento che sia capace di tradurre ciò che vediamo nella clinica ogni giorno, senza abbandonare il linguaggio dei fiori. La cosa più importante non è certo memorizzare le formule, ma allenarsi nel ragionamento che ci porta ad elaborarle.”  Manuale per l’applicazione locale dei Fiori di Bach – Ricardo Orozco

Nella mia esperienza di farmacista ho sempre avuto soddisfazioni consigliando creme che contengano fiori di Bach specifici per il disturbo riferito.
L’artrosi è una di quelle patologie che si manifesta con il dolore  che via via peggiora più passa il tempo e la malattia si aggrava. Quindi le persone che soffrono di artrosi vogliono poter migliorare la qualità della loro vita.

I fiori di Bach possono essere aggiunti a creme che contengono già principi attivi vegetali antinfiammatori come l’Artiglio del Diavolo o altri. Oppure si possono mettere in una crema base o in gel neutro. A questi si possono aggiungere oli essenziali  per ottenere un effetto rilassante sulla muscolatura oppure un effetto riscaldante qualora l’articolazione sofferente sia particolarmente sensibile agli sbalzi di temperatura o all’umidità.

Artrosi e crema con i Fiori di Bach: preparazione

Artrosi e crema con i Fiori di Bach vorrei darvi qualche semplice indicazione su come prepararla.

Prendiamo circa 50g della crema o gel che vogliamo utilizzare e aggiungiamo 10 gocce di ogni fiore. Mescoliamo con una bacchetta di vetro o un bastoncino di legno perchè sono materiali inerti che quindi non reagiscono con i componenti della crema.

Siccome l’artrosi è una patologia cronica il consiglio è quello di avere molta costanza nell’applicazione. I primi risultati possono essere evidenti anche solo dopo due settimane, ma in questo caso il segreto è appunto la costanza nell’applicazione.

In questo video cerco di mostrare in modo pratico la preparazione della crema e le caratteristiche dei fiori utilizzati.

I fiori di Bach più frequentemente utilizzati nella preparazione di una crema per l’artrosi possono essere quelli che sono spiegati nel video e sono elencati qui sotto. Comunque in una crema si mettono al massimo 4-5 fiori e si scelgono in base ai sintomi prevalenti.Quindi anche quando ci si occupa di artrosi e Fiori di Bach è necessario personalizzare la formula. La floriterapia è sempre “abito cucito su misura” cioè va sempre adattato alla persona che si vuole aiutare in quel preciso momento della sua vita.

HORNBEAM

Questo è il fiore del Carpino e serve per dare energia alla parte. Se parliamo di artrosi e fiori di Bach è necessario considerare che  nell’artrosi il dolore induce a muovere poco l’articolazione e questo comporta un indebolimento di tutta la struttura osteomuscolare.

ELM

Questo è il fiore dell’Olmo. Il suo utilizzo in un contesto di artrosi e Fiori di Bach è giustificato quando il dolore è di tipo “straripante”. Sull’articolazione interessata pesa una grossa responsabilità ma il dolore molto intenso ne limita la funzione.

WILLOW

Questo è il fiore del Salice. Nel contesto di artrosi e Fiori di Bach il fiore del salice ha un ruolo molto importante. Infatti corrisponde al dolore cronico, quello di vecchia data. L’artrosi spesso si presenta con questi dolori molto vecchi.

VERVAIN

E’ il fiore di Verbena. e si utilizza quando il dolore è di tipo acuto, è una nuova infiammazione.

WALNUT

Questo è il fiore del noce. Spesso sentiamo dire “quando cambia il tempo mi fa male il ginocchio”. Questo è il caso in cui l’utilizzo di Walnut può essere di grande giovamento perchè aiuta all’adattamento ai cambiamenti.

LARCH

È il fiore del larice e serve per aumentare la fiducia nelle proprie capacità. Quindi se si parla di artrosi e Fiori di Bach Larch si utilizza per “dare fiducia” ad una articolazione che è ferma da molto tempo. A volte, quando un muscolo non viene usato per molto tempo, i movimenti diventano incerti e ci possono essere anche dei tremori. Questo fiore trova impiego proprio in questi casi.

ROCK WATER.

Nel sistema floreale del dottor Bach è l’acqua pura di sorgente. È la sintesi dell’elemento fluido per eccellenza, l’acqua, con l’estrema rigidità rappresentata dalla roccia. Le articolazioni che soffrono di artrosi hanno grossi problemi di rigidità. Quindi Rock Water potrebbe essere spesso utilizzata in una crema ai Fiori di Bach.

L’artrosi è una patologia importante, quindi è bene affidarsi a specialisti  per la diagnosi e la cura. Comunque è possibile attuare una cura naturale che aiuta a ritrovare uno stato di benessere. Conoscere gli alimenti  che possono diminuire lo stato infiammatorio e intraprendere un percorso di riequilibrio posturale sicuramente migliora la qualità della vita. Poi si può ricorrere all’omeopatia e alla fitoterapia.  Inoltre è possibile intervenire sul dolore anche con strumenti “insoliti” come l’utilizzo di creme che contengono Fiori di Bach.

 

Pin It on Pinterest

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi